Salvia Divinorum

Salvia divinorum

COS’È
Tra le circa 1000 specie di salvia rinvenute in tutto il mondo, Salvia divinorum è l' unica specie finora conosciuta che induca allucinazioni.
Il nome botanico di Salvia divinorum significa "la salvia dei veggenti", per centinaia di anni è stata usata nelle cerimonie religiose e di guarigione dagli indiani Mazatechi, popolazione del centro America.
È sbagliato confrontarla con altre sostanze psicoattive presenti sulla piazza, per molti aspetti Salvia divinorum è in una categoria a sé, non c' è nessun' altra erba o droga che le assomigli.
Il principio attivo presente in questa pianta è il Salvanorin A, sostanza chimica responsabile degli effetti che alterano la mente. Diversamente della maggior parte dei composti allucinogeni non è un alcaloide.
Anche se non causa abitudine (assuefazione), il Salvanorin puro va avvicinato con la giusta cautela. La quantità di principio attivo contenuta nella sostanza può variare in maniera molto significativa, facendo dunque sensibilmente variare anche gli effetti sull’organismo di chi l’assume.

EFFETTI RICERCATI
Un radicale cambiamento di prospettiva, una percezione alterata degli oggetti che stanno intorno, sensazione di forze che ti tirano o che ti muovono, sensazione di esperienza irreale (simile al sogno). 
L’ intensità del viaggio dipende da quanta se ne assume, dal modo in cui si assume e dallo specifico stato psico-fisico del momento. 
Generalmente i "viaggi" di Salvia differiscono da quelli prodotti da altre droghe o erbe visionarie per l'intensità e la breve durata. 
L'inebriamento prodotto da basse dosi assomiglia in qualche modo a quello della marijuana. Se assunta a dosi più elevate, l'effetto è più simile a quello indotto da sostanze allucinogene quali l'LSD e la psilocibina. A dosi ancora maggiori l'effetto assomiglia agli stati di dissociazione prodotti dalla ketamina.
Quando Salvia viene fumata, gli effetti salgono molto velocemente, in meno di un minuto. Se è masticata i primi effetti si notano dopo circa 15 minuti e arrivano al pieno effetto in circa 30 minuti. Se viene presa con un estratto orale, gli effetti salgono in 15 minuti o meno. Solitamente i "trip" di Salvia durano da 15 minuti ad un’ora. Occasionalmente possono durare fino a 2 ore.

RISCHI E DANNI
E’ l’allucinogeno naturale più potente finora isolato. Dovrebbe quindi essere messo in chiaro che i suoi effetti sono spesso estremamente pesanti e che esiste una reale potenzialità di pericolo fisico legata al suo uso.
Quando si decide di assumere Salvia si decide un salto nel buio, non c’è modo di prevederne effetti durata intensità e durante i minuti dell’esperienza non si ha il controllo del proprio corpo e della propria mente.
I rischi sono quindi legati alla possibilità di rimanere per alcuni minuti (fino a oltre 30) in uno stato di non coscienza alterata senza possibilità di controllo.
Dopo avere provato una dose e non avere ottenuto gli effetti ricercati, si può essere tentati di ricorrere a una dose maggiore, mentre in effetti ciò può essere il risultato dell’aver assunto la sostanza in un modo piuttosto che in un altro. Questo può portare ad assumere sovradosaggi che rischiano di rendere l’esperienza molto pericolosa.
Quando l'esperienza finisce può succedere di non avere alcun ricordo di tutto ciò che si è vissuto.

PRECAUZIONI
Crediamo che intorno alla Salvia Divinorum siano state dette tante cose, ma il breve arco di tempo trascorso dalla sua commercializzazione ad oggi non ha ancora permesso di scoprirne la vera natura e pericolosità, pertanto crediamo vi debba essere ancora più attenzione.
La Salvia NON È UNA DROGA DA FESTE o da situazioni di divertimento collettivo (può succedere infatti di vagare in stato confusionale).
La possibilità di perdere il controllo dei movimenti e della consapevolezza suggerisce di non avere nei pressi oggetti pericolosi o fiamme libere. 
Naturalmente è assolutamente sconsigliato, per le ore successive, guidare o usare attrezzi che richiedano concentrazione o attenzione.