Subutex o Buprenorfina

Subutex in pasticca

COS'E'

Il Subutex, altrimenti conosciuto come la buprenorfina, è un farmaco introdotto nella seconda metà del 1990 e utilizzato nel trattamento della dipendenza da oppiacei, come nei casi di eroina e morfina. Solo ultimamente viene utilizzato anche per i casi di alcoolismo.

Si tratta di un oppiaceo sintetico prodotto in laboratorio e prescritto attraverso i Ser.T (servizio tossicodipendenze).

Si presenta in pasticche oblunghe di diversi dosaggi (da 2 a 8 mg). Viene assunto per via sub-linguale.


EFFETTI

Ciò che questo particolare farmaco fa non è altro che diminuire i sintomi di astinenza che spesso colpiscono le persone che passano attraverso la disintossicazione per abuso di sostanze illegali.

La Buprenorfina (Subutex) si lega più fortemente ai recettori nel cervello di quanto non facciano altri oppioidi, rendendo più difficile agli oppiacei reagire quando la buprenorfina è nel sistema. Attenzione, non è un farmaco vero e proprio ma solo una droga sintetica sostitutiva che allevia i sintomi di astinenza da droghe o alcool sostituendole con un principio attivo simile.

Il Subutex svolge anche una funzione antagonista agli oppiacei, cioè se viene assunto quando si è fatti di eroina si cade in una profonda crisi di astinenza che spesso richiede cure mediche urgenti.

Negli ultimi tempi si è allargato l'uso per via endovena da parte degli eroinomani per gli effetti che procura, molto simili se non superiori all'eroina. E' quindi molto richiesto nel mercato nero illegale.

 

SOCIALMENTE

Il Subutex, distribuito essenzialmente attraverso il servizio sanitario nazionale, è parte integrante della politica sociale chiamata "Riduzione del danno". Un eroinomane o un alcoolista che si mette in cura da Subutex presso una struttura Ser.T è socialmente meno pericoloso di uno che per procurasi la dose di eroina spaccia, ruba o finisce per prostituirsi.

Il Subutex può, in teoria, occuparsi di un tossico dipendente e fargli condurre una vita sociale "normale", lavorare ed occuparsi dei suoi affetti. Normalmente viene utilizzato in associazione con delle terapie psicologiche oppure prima di inserire il soggetto in una comunità terapeutica.

La politica della riduzione del danno dei Ser.T. appare molto controversa e illusoria, i vari operatori delle tantissime comunità terapeutiche sparse sul territorio italiano e non hanno opinioni discordanti sul reale vantaggio di questo farmaco e molte di esse preferiscono non utilizzarlo perché vedono in esso più svantaggi che vantaggi.

 

ASTINENZA

Attenzione, il Subutex agisce sul cervello come qualsiasi altro oppiaceo e crea una forte dipendenza dopo pochi giorni di assunzione, in modo molto simile al Metadone e agli oppiacei in genere.

Le crisi di astinenza sono molto simili in quanto a sintomi a quelle di eroina e metadone, ma a differenza di queste possono durare anche settimane. Vale il discorso fatto per il Metadone.


RISCHI
Come per ogni oppiaceo sintetico, il Subutex non è privo di rischi. Gli effetti collaterali determinati dall'uso di questo farmaco, anche quando è parte di un programma di riabilitazione dalla droga includono; vertigini e capogiri, sonnolenza, cefalea, nausea e vomito, stipsi e debolezza.

Dopo un uso prolungato nel tempo si possono verificare gravi danni ai reni, al fegato, ai denti e alle vie biliari.

Se usato assieme ad altre sostanze, tipo; oppiacei, farmaci come le benzodiazepine o alcoolici può originare seri problemi di salute fino a causare la morte per crisi respiratoria.